SAP Piacenza

Vai ai contenuti

Menu principale:

Tute bianche

Eventi SAP

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 
 
 

Chi difende i difensori?

 

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

BOLOGNA, 30 APRILE 2002 - In piazza con le tute bianche. Venerdì alle 17 i poliziotti di Bologna manifesteranno in piazza Nettuno la loro solidarietà ai colleghi partenopei indossando le tute bianche: lo ha annunciato il segretario nazionale del Sap (Sindacato autonomo di polizia) Gianni Tonelli. L' agitazione avrà carattere regionale e ne sono in programma anche altre in diverse città italiane.
Gli agenti hanno invitato tutti i bolognesi a manifestare con loro indossando le tute, «che si possono comperare in qualsiasi mesticheria». Ma il segretario ha specificato i motivi della manifestazione: «Non chiediamo per la vicenda di Napoli l' impunità - ha precisato - ma vogliamo far notare una condizione di insicurezza in cui si ritrova a vivere chi lavora in ordine pubblico. Che senso ha una custodia cautelare a 14 mesi di distanza?».
I poliziotti chiedono allo Stato - si legge in una nota diffusa dal sindacato - «che garantisca maggiormente i propri servitori nella funzione di tutela della sicurezza pubblica e nel rapporto di collaborazione con la magistratura».

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Proprio per questo, mentre saranno in piazza, alle finestre delle caserme saranno appese lenzuola bianche. Il bianco vuol significare una impossibilità di tutela. «Sappiamo difenderci dai criminali ma siamo disarmati di fronte ad un sistema che ci avversa - ha detto Tonelli - il bianco significa mani alzate, resa».

«I Nocs dell' operazione Dozier, Contrada, Improta - ha ricordato - tutti assolti, ma la loro carriera rovinata. I colleghi di Napoli sono andati sui giornali, ma succede tutti i giorni. Non chiediamo sconti, ma non ci possono essere ogni anno 2000 procedimenti penali pendenti con coinvolti poliziotti. La cittadinanza ha diritto di sapere in tempi stretti se chi è al suo servizio è colpevole».
Tonelli ha ricordato come la calunnia sia talvolta una strategia difensiva. «Colui che arresto dice che gli ho dato uno schiaffo per inficiare la mia parola in aula - ha detto - o l' extracomunitario clandestino si autolesiona perchè con la denuncia ottiene il premesso di soggiorno a fini di giustizia».

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Quindi, per il segretario, la campagna 'Chi difende i difensori', lanciata nei mesi scorsi, proseguirà con la richiesta al Governo che i procedimenti penali (con forze dell' ordine coinvolte) siano trattati direttamente dai procuratori e che abbiano tempi più celeri. Contestualmente è stato aperto un conto corrente per raccogliere fondi per la tutela legale degli indagati napoletani. Tutela che, ricorda Tonelli, «come ogni poliziotto indagato devono pagarsi da soli, con uno stipendio decurtato del 50%, non potendo trovarsi un altro lavoro. Tutela che verrà loro rimborsata solo in caso di assoluzione. Ma i rimborsi al momento sono in ritardo di 10 anni. E non tengono conto dell' inflazione».

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

quotidiano La Repubblica - Luigi Spezia -  LE TUTE bianche per un giorno passano dall' altra parte. Non le indossano i no global, ma i poliziotti. «Le tute bianche non basta comprarle in mesticheria - dicono i secondi, un centinaio, schierati in contromanifestazione in Piazza Nettuno - Hanno una storia diversa».
Le tute bianche le indossano gli agenti del Sap in piazza Minghetti, mentre in mezzo, in piazza Galvani, ci sono altri due sindacati - Lisipo e Ugl - attorno ad un banchetto di Massimiliano Mazzanti, An, per fondi e firme a favore del carabiniere che sparò a Genova. Si chiama «Sbirroday». Centro della città diviso sul tema del momento: l' inchiesta di Napoli, gli arresti di otto poliziotti tredici mesi dopo gli scontri in piazza e le violenze commesse dalla polizia secondo le denunce di ottanta persone. Protesta pubblica, solidarietà ai colleghi sotto inchiesta e concetto unico: «Quegli arresti sono ingiustificati, i magistrati hanno usato due pesi e due misure. Nessun manifestante violento è stato arrestato».
Le tute bianche della polizia - una settantina, agenti arrivati un po' da ogni città dell' Emilia Romagna, ma in particolare Bologna, Rimini, Ferrara e Piacenza - le guida Gianni Tonelli, segretario nazionale del Sap, in tuta bianca pure lui. «Le tute sono il segno della resa di fronte al conflitto istituzionale, un segno di impotenza», dicono i sindacalisti.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Ma molti agenti non sanno come spiegarle. Ci sono anche quelli della Penitenziaria, Battista Duranti e Flavio Menna del Sappe avvolto da una bandiera. La Digos osserva. Intorno, sventolano bandiere di Forza Italia, An e Lega. Sul podio di piazza Minghetti, nonostante la manifestazione «apolitica e trasversale» salgono i parlamentari del centrodestra: Enzo Raisi di An, Gianluigi Magri del Ccd, Fabio Garagnani di FI. Tonelli chiede tutela per i lavoratori della polizia. E se i poliziotti avessero sbagliato davvero? «Pagheranno - dice Tonelli -. Non siamo qui contro la magistratura, ma per solidarietà agli agenti». Magri parla di «arresti ingiustificati». Garagnani attacca «i magistrati che non servono lo Stato ma le ideologie di sinistra». Grandi applausi per lui, vicino da sempre al Sap.
Raisi parla prima alle «tute bianche» e poi alla piazza vuota dove c' è il banchetto di An. L' ex assessore alla Sicurezza Giovanni Preziosa, ora leader del sindacato di polizia Lisipo: «Lavoriamo con i magistrati che continuano a essere il nostro punto di riferimento. Noi critichiamo l' uso dei provvedimenti cautelari che ci sembrano un anticipo di punizione, un fatto eccessivo». Alcuni avvocati - Antonio Cappuccio, Fausto Pacifico, Massimo Vincenzi - leggono discorsi a favore dei poliziotti inquisiti o offrono di difenderli gratis. Mirco Perelli dell' Ugl: «Fa specie che paghino solo gli agenti, ammesso che abbiano sbagliato». Passano quattro giovanissimi «no global» provenienti da Piazza Nettuno, leggono un volantino di An e si indignano. Ma il segretario provinciale del Lisipo Francesco Marotta cerca di spiegare loro che anche la polizia ha le sue ragioni.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 
 
 

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Torna ai contenuti | Torna al menu